Via Enna, i residenti danneggiati dal senso unico

Via Enna, i residenti danneggiati dal senso unicoVia Enna, i residenti danneggiati dal senso unico

PIANTINA VIA ENNA

Via Enna non è molto conosciuta ai potentini ma se gli si spiega che quella strada, con un dislivello notevole, che collega Verderuolo, nei pressi dell’ufficio postale di via Messina, alla strada statale 7 Appia che porta a Ruoti ed Avigliano , allora in molti si ricorderanno di questa strada, precedentemente  denominata via Verderuolo superiore, si ricorderanno che tante volte viene utilizzata come scorciatoia per andare verso Avigliano o provenendo dalla “capitale” evitando di andare ad immettersi nel caotico traffico del rondò dell’Ospedale San Carlo.

Dopo che da sempre questa strada, molto stretta, in alcuni tratti si transita un’auto alla volta, è stata a doppio senso di marcia, questa estate il Comune, emanando apposita Ordinanza, la numero 325,  in data 6 settembre 2019,  l’ha resa a senso unico a salire, per cui chi proviene dalla via Appia si ritrova un cartello di divieto di accesso e, purtroppo pure i residenti non potranno più scendere verso Verderuolo.

Le motivazioni di tale provvedimento  sono richiamate  nella ordinanza 325 (la strada presenta le seguenti caratteristiche costruttive:  il primo tratto di via Enna, dall’intersezione con via Messina fino all’intersezione con via Trapani, ha dimensioni adeguate per consentire l’attuale doppio senso di circolazione;  il secondo tratto di via Enna, dall’intersezione con via Trapani fino all’intersezione con via Appia S.S. 7, ha una notevole pendenza ed un evidente restringimento di carreggiata che non consentono una circolazione a doppio senso di marcia in condizioni di adeguata sicurezza per i veicoli;  il suddetto secondo tratto, inoltre, presenta diverse variazioni di pendenza che riducono ulteriormente la visibilità e la sicurezza dei veicoli transitanti, in particolare all’imbocco di monte da via Appia).

via enna (6)

La decisione del Comune non trova d’accordo le le famiglie che abitano nei circa 50 fabbricati che insistono su via Enna tant’è che in data 30 settembre 2019 essi hanno depositato presso l’ufficio protocollo comunale una petizione firmata da 110 cittadini. La nota spiega i motivi per cui l’introduzione del senso unico danneggia in maniera rilevante gli abitanti di via Enna, in particolare si fa notare che:

1) Per raggiungere i servizi quali supermercato, ufficio postale, scuole, presenti in via Firenze via Anzio, via Messina (rione Verderuolo), il residente è costretto a risalire via Enna, immettersi sulla SS7 e quindi fare il giro per località Epitaffio, Tre cancelli, Ponte Di Giura ed imbottigliarsi nel traffico, quindi i servizi che prima erano raggiungibili in pochi minuti poiché alla distanza di 200-300m ora sono posti ad oltre 2-3 km di distanza con notevole dispendio di tempo e risorse;

2) Per conferire la spazzatura (poiché in via Enna non è istituito il servizio a domicilio) occorre recarsi in uno dei due punti raccolta presenti, in C.da Serra e sulla SS7 di fronte il ristorante “La Roulette”, ciò comporterebbe che molte unità immobiliari verrebbero a trovarsi oltre 500 mt al più vicino punto di raccolta, costringendo i residenti a percorrere oltre 3 km con i propri mezzi per conferire la spazzatura e rientrare nelle proprie abitazioni;

3) Altro motivo molto importante è quando, nei periodi di maltempo, con presenza di precipitazioni nevose o acquazzoni che rendono il fondo stradale viscido, la strada non risulta percorribile in salita, quindi i residenti sarebbero impossibilitati sia ad uscire che a rientrare nelle proprie abitazioni.

Per i motivi elencati essi fanno queste riflessioni al Comune:

1) vista la notevole pendenza e restringimento di carreggiata di detta via Enna, è opportuno ridurre al minimo il traffico veicolare a scendere;

2) considerato che il 90% del traffico veicolare è costituito da veicoli provenienti dal Comune di Avigliano, Ruoti e C.da Giugliano;

3) considerato che se fossero solo i residenti a scendere per detta via, si ridurrebbe tantissimo il traffico nel senso di marcia più pericoloso, e anche il rischio di incidenti visto che i residenti conoscono bene la strada e sanno bene l’andatura da tenere.

Il 27 settembre 2019 l’Assessore alla viabilità Pernice ha voluto incontrare gli abitanti di via Enna i quali hanno chiesto di ripristinare il doppio senso SOLO per i residenti ed evitare loro i tanti disagi, quali, ad esempio il conferimento dei rifiuti,  in quanto non essendo  attiva la raccolta differenziata i due punti di raccolta  sono ubicati uno su via Appia nei pressi del ristorante  la Roulette l’altro in  via Serra con un percorso di andata e ritorno di circa 4 km circa contro i 600 metri di prima. In estrema sintesi i residenti di via Enna chiedono di aggiungere sotto il cartello stradale che indica il divieto di accesso la scritta “eccetto i residenti”.

L’assessore Pernice da noi contattato ha assicurato che si sta lavorando per venire incontro ai residenti di via Enna ed a brevissimo saranno apposti cartelli con la dicitura “eccetto residenti e frontisti” sotto la segnaletica esistente.

Articolo pubblicato su Controsenso del 2 novembre 2019

Tags: ,

No comments yet.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

Via dei Molinari: una strada inadeguata e pericolosa

Via dei Molinari è una strada di circa 1.500 metri che collega via del Gallitello alla strada provinciale 84 che […]

“Nemo propheta in patria”, il caso di un geniale imprenditore potentino

  L’economia lucana continua a dipendere da automotive, petrolio e turismo per lo più stagionale, restiamo fra le regioni più […]

ROSSELLINO ED IL PARCO MAI NATO

Rossellino è una contrada nella immediata periferia di Potenza, si trova a ridosso del raccordo autostradale Sicignano – Potenza per […]

Parco Aurora vuole uscire dal degrado

Articolo pubblicato su Controsenso del 16 novembre 2019   Nato negli anni ’70 il quartiere Parco Aurora è situato a […]

La maggioranza di centro-destra alla Regione favorisce le lobby del gioco d’azzardo

Articolo pubblicato su Controsenso del 9 novembre 2019 Solo due settimane fa, era il 25 ottobre, lo SPI – CGIL […]

Un comitato per il Centro Storico di Potenza

Uno degli argomenti più dibattuto in città è quello sulla vivibilità del Centro Storico, la parte antica di Potenza, quella […]