Sulle strade di Potenza

Sulle strade di Potenza

indicazione senza indicazione

Da un paio di mesi la situazione sulle strade di Potenza è diventata molto pericolosa, il maltempo di questi ultimi mesi, le nevicate di questo inverno e primavera, hanno contribuito a rovinare ulteriormente il manto stradale già compromesso da anni di mancata manutenzione, buche e voragini sono disseminate ovunque, anche lungo strade in pieno centro cittadino che fino a non molto tempo fa godevano, se non altro, di una certa attenzione, su alcune strade che collegano le contrade e le periferie la situazione è drammatica, mai, a memoria dei potentini dai capelli bianchi, si era arrivati a questa disastrosa situazione.

Veniamo subissati da molte segnalazione da parte di nostri lettori ma la mappa del degrado delle strade potentine la si può fare sommando i centinaia di post pubblicati sui social con tanto di documentazione fotografica. Si comincia a vedere qualche tentativo di porvi rimedio in quanto su alcune strade si è cominciata l’opera di “scarifica” della pavimentazione e probabilmente sono state le piogge del fine maggio a far rinviare la ribitumazione su alcune arterie.

Ma non è solo il pessimo stato  delle pavimentazioni cittadine a preoccupare automobilisti e pedoni, anche la segnaletica stradale, orizzontale e verticale, è  piuttosto malconcia.

Negli anni passati con l’inizio della primavera si provvedeva a metter mano al rifacimento della segnaletica orizzontale, ridipingendo i passaggi pedonali, le aree delle fermate dei bus, le linee di mezzeria, quelle che delimitano i parcheggi. Quest’anno l’operazione di maquillage non è ancora partita per cui ritroviamo situazioni di pericolo laddove i passaggi pedonali non sono stati rifatti e dove le linee che delimitano le carreggiate sono scomparse da tempo. Ci segnalano che su molte strade i passaggi pedonali non sono stati mai realizzati. Si spera che quando il Comune deciderà di intervenire vengano utilizzate vernici e prodotti adeguati, fino ad oggi i prodotti utilizzati  per la segnaletica orizzontale hanno avuto un potere coprente molto limitato in quanto dopo pochi giorni il bianco, e gli altri colori utilizzati, sbiadiscono per poi scomparire del tutto.

Per quanto concerne invece la segnaletica verticale c’è da dire che molti segnali in città sono stati sostituiti ma c’è ancora molto da fare, soprattutto nelle periferie, abbiamo fatto un giro per la città ed abbiamo verificato che centinaia di segnali, di obbligo, di pericolo ed indicazione sono del tutto sbiaditi e quindi illeggibili, molti sono contraddittori ed ingannano gli automobilisti ed in alcuni casi abbiamo rinvenuto segnalazioni vandalizzate (ricoperti di scritte) o divelte, particolarmente critica la situazione all’interno dei prefabbricati di Bucaletto dove il dedalo di stradine, tutte a senso unico, si presentano con i segnali del tutto sbiaditi; ci dicono gli abitanti del villaggio che sono anni che i segnali sono diventati illeggibili. Molti altri segnali in primavera vengono nascosti dalla vegetazione, altri sono di difficile “interpretazione” perché posizionati vicino ad altri obsoleti e mai recuperati.

Se alle carenze strutturali ci sommiamo la mancanza di osservanza da parte di un numero sempre crescente di automobilisti delle norme del Codice della Strada si comprendono i motivi dei tanti incidenti che quotidianamente avvengono sulle strade cittadine o se consideriamo le situazioni di pericolo arrecato per la inosservanza di segnali tipo il divieto di accesso o di svolta in una determinata direzione o la mancata precedenza  non possiamo fare a meno di dare ragione a coloro che classificano la viabilità potentina simile a quella del far west.

 

Tags: , , , , ,

No comments yet.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

Parco Aurora vuole uscire dal degrado

Articolo pubblicato su Controsenso del 16 novembre 2019   Nato negli anni ’70 il quartiere Parco Aurora è situato a […]

La maggioranza di centro-destra alla Regione favorisce le lobby del gioco d’azzardo

Articolo pubblicato su Controsenso del 9 novembre 2019 Solo due settimane fa, era il 25 ottobre, lo SPI – CGIL […]

Via Enna, i residenti danneggiati dal senso unico

Via Enna non è molto conosciuta ai potentini ma se gli si spiega che quella strada, con un dislivello notevole, […]

Un comitato per il Centro Storico di Potenza

Uno degli argomenti più dibattuto in città è quello sulla vivibilità del Centro Storico, la parte antica di Potenza, quella […]

Servono collegamenti fra via Isca del pioppo e via del Gallitello

Continuiamo a trattare l’argomento che ultimamente cattura l’interesse dei media e che sta a cuore al potentini, parliamo di viabilità […]

Largo Ambrosoli, una intitolazione tribolata

Giorgio Ambrosoli era un avvocato che in qualità di liquidatore della Banca Privata Italiana e di altre attività finanziarie di […]