Pochi e problematici i parcheggi per i disabili nell’Ospedale San Carlo

Pochi e problematici i parcheggi per i disabili nell’Ospedale San CarloPochi e problematici i parcheggi per i disabili nell’Ospedale San CarloPochi e problematici i parcheggi per i disabili nell’Ospedale San Carlo

VICINO PRONTO SOCCORSO

Da controsenso del 20 luglio 2017

Il tema per il rispetto dei diritti dei disabili nella città di Potenza è un argomento che anima un continuo dibattito ma che in pratica  rimane nell’ambito delle chiacchiere da bar. Da anni si parla di ridurre le barriere architettoniche per favorire l’autonoma  mobilità a chi ha la sfortuna di vivere su una carrozzina ma al di la delle buone intenzioni a Potenza non solo si eliminano pochi ostacoli ma, siamo all’assurdo, se ne creano di nuovi. Oltre alle barriere architettoniche le Leggi dello Stato prevedono di riservare lungo le strade e nei parcheggi pubblici un certo numero di posti riservati ai disabili, ma poi, nella realtà, le cose stanno diversamente.

Insieme ad Alba Montagnolo, vice presidente dell’Associazione Dopo di Noi, associazione presieduta da Vincenzo Carlone ed aderente alla Consulta del Volontariato, abbiamo fatto una ricognizione nei parcheggi dell’Azienda Ospedaliera San Carlo, luogo frequentato da molti disabili o persone che per patologie varie sono costretti a recarvisi su una carrozzina. La situazione non è per niente soddisfacente, l’area dei parcheggi dell’ospedale è gestita da un’azienda, Park Ho,  che controlla circa 1.200 stalli, di cui 670 in un moderno parcheggio multipiani collegato con il parcheggio antistante il padiglione B.

ARRIVO DAL PARCHEGGIO COPERTO

In base alla legislazione vigente, ed in particolare secondo quanto indicato  nell’articolo 22 del DM 236/1989  comma 4Nelle strutture ricettive con capienza superiore  a  25  posti letto, se provviste di aree di parcheggio, deve essere  garantito  un minimo di due posti auto più un ulteriore  posto  ogni  40  posti  o frazione di 40 riservati alla sosta di veicoli per persone  disabili. Deve inoltre  essere  previsto  un  collegamento  privo  di  ostacoli dall’area di parcheggio all’accesso principale  o  equivalente  della struttura”  all’interno dell’area ospedaliera potentina quindi ci dovrebbero essere circa un centinaio di posti auto riservato ai disabili.  Non sono da contabilizzare i posti riservati ai dializzati presenti nei pressi dell’ingresso principale nè i pochi parcheggi “rosa” riservati alle donne incinta e alle neo mamme.

Tanto per cominciare non ci sono posti riservati ai disabili in tutti gli spazi dove si accede attraverso una sbarra, quindi niente spazi a disposizione nel parcheggio antistante le cucine e la centrale termica, sotto i pannelli solari,  nei pressi della palazzina degli uffici e nello spazio antistante la camera mortuaria.

14 sono i posti riservati ai  disabili realizzati nei pressi dell’ingresso principale, al momento del sopralluogo abbiamo riscontrato che ben sei stalli erano occupati da auto prive del previsto contrassegno, Alba Montagnuolo fa notare che questi posti sono scomodi, angusti e pericolosi in quanto costringono i disabili ad attraversare la strada, trafficatissima, e la corsia riservata alle ambulanze dirette al Pronto Soccorso, questa criticità è stata più volte rappresentata a chi di dovere ma non ci si è curato di porvi rimedio. Altri 10 posti sono disponibili nei pressi del Pronto Soccorso e solo 5 posti nel parcheggio a valle del nosocomio nei pressi dell’ingresso del padiglione E. Decisamente migliore la situazione nel parcheggio multipiano dove in ognuno dei tre piani sono dislocati una decina di posti riservati ai disabili ma che andavano meglio posizionati; all’arrivo nel piazzale antistante il padiglione B, fa notare Alba Montagnuolo, in caso di maltempo, pioggia o neve, quando si arriva dai parcheggi imboccando l’apposito scivolo si rimane allo scoperto e quindi alle intemperie, qualche difficoltà in più ora che stanno facendo lavori di ristrutturazione del fabbricato.

UTENTE IN DIFFICOLTA'

Considerato che l’Ospedale San Carlo è il più grande presidio sanitario della regione, su cui convergono pazienti e visitatori da tutta la regione e da quelle limitrofe, bisogna decisamente aumentare e migliorarne la fruibilità di parcheggi da mettere a disposizione di disabili e persone momentaneamente non deambulante, avendo cura di scegliere aree che non costringano i fruitori a percorsi lunghi o pericolosi per accedere alla struttura, occorre altresì vigilare che gli stalli non siano abusivamente occupati da non aventi diritto, a tal proposito l’Associazione dopo di noi è disponibile a dialogare con la direzione dell’Ospedale per trovare le soluzioni più idoneo per offrire ai disabili un servizio il meno disagevole possibile.

 

Tags: , , ,

No comments yet.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

Intervista all’Assessore all’Urbanistica e Lavori Pubblici del Comune di Potenza

Antonio Vigilante è un giovane ingegnere eletto in una lista civica che ha appoggiato la candidatura a Sindaco di Mario […]

Riecco il traffico

L’11 settembre ricade l’anniversario della strage terroristica in America in cui furono distrutte le famose torri gemelle, qualcuno, ironicamente, ha […]

L’altro “parco fluviale”

L’estate potentina è stata caratterizzata dalle feroci polemiche intorno al Parco Fluviale del Basento riaperto nella sua interezza dopo lunghi […]

Intervista a Mario Guarente, Sindaco di Potenza

Articolo pubblicato su Controsenso del 31 agosto 2019 Insediatasi da un paio di mesi la nuova Giunta Comunale frutto di […]

Un ufficio postale a Macchia Romana

Articolo pubblicato su Controsenso Basilicata del 31 agosto 2019 Macchia Romana, per anni simbolo di “quartiere dormitorio” , ha visto […]

Il parco Baden Powell

Tempo d’estate, caldo opprimente ed i parchi cittadini diventano il rifugio per godersi un po’ di fresco, fra le aree […]