“Nemo propheta in patria”, il caso di un geniale imprenditore potentino

“Nemo propheta in patria”, il caso di un geniale imprenditore potentino“Nemo propheta in patria”, il caso di un geniale imprenditore potentino

 

marco tramutola

L’economia lucana continua a dipendere da automotive, petrolio e turismo per lo più stagionale, restiamo fra le regioni più povere e con un sempre crescente fenomeno di spopolamento alimentato da una emigrazione che interessa giovani e meno giovani. Eppure di giovani in gamba la Basilicata ne “produce” molti ma non vengono valorizzati. E’ il caso di un trentasettenne potentino, Marco Tramutola, giovane intraprendente che ha saputo trasformare un grave handicap, egli ha perso quasi del tutto l’utilizzo dell’udito, recuperato attraverso l’utilizzo di una protesi, in una impresa che produce un geniale dispositivo che ha una vasta possibilità di impiego.

Complice la passione per la musica Marco ha messo a punto un “aggeggio” che gli consentisse di ascoltarla in maniera perfetta attraverso l’utilizzo delle cuffie. Ha cominciato a perfezionare la sua intuizione dal 2010 realizzando in maniera “artigianale” un amplificatore. Fu nel 2013, quando il Comune di Potenza emanò un ordinanza che vietava la diffusione di musica dopo la mezzanotte, che sperimentò le apparecchiature che consentivano di ascoltare la musica anche a notte inoltrata utilizzando semplicemente delle cuffie collegate via etere con la fonte sonora. Marco è stato sicuramente un pioniere nel sud Italia ad operare in una nicchia di attività che una infinità di applicazioni. Continuando a studiare marco ha ulteriormente perfezionato il suo dispositivo rendendolo utilizzabile perfino in acqua, il nome dato è Sound Splash, un apparecchio capace di abbattere il problema dell’inquinamento sonoro causato dalle discoteche ubicate dentro le città. Ma il suo impiego ha tante altre utili applicazioni non solo utili agli audiolesi ma anche ai normodotati.

Il dispositivo Sound Splash consente di udire fino a 500 metri dalla fonte sonora, basta utilizzare delle normali cuffie auricolari, infatti il  dispositivo si collega con tutte le cuffie commerciali con attacco 3.5, ed in pratica è un ricevitore audio wireless con alta efficienza sonora, con volume regolabile,riceve fino a 3 segnali audio differenti,ed è stato ed il suo punto di forza consiste nel poter essere utilizzato  in acqua, esso può essere personalizzato per ogni singolo utente.

marco tramutola (1)

Il suo utilizzo da parte di persone con gravi patologie uditiva consente di abbattere le barriere dell’handicap e ne permettere la perfetta integrazione.

Sono numerosi i campi di impiego e vanno dal mondo dello sport (palestre, piscine,competizioni all’aperto, ausilio per gli atleti paralimpici non vedenti ) a quello del divertimento (discoteche o luoghi all’aperto dove si ascolta musica, musei e luoghi d’arte, villaggi turistici, cinema all’aperto), meeting e convention, traduzioni simultanee, guide turistiche ecc.

Marco Tramutola ha promosso la sua attività ed il dispositivo Soound Splash in diverse fiere e manifestazioni di settore come lo SMAU, è stato attenzionato dai media nazionali, ha delle collaborazioni importanti fuori regione con realtà che si occupano di fitness ma, stranamente, in Basilicata “lavora” poco.

Diamo la parola al giovane imprenditore per meglio capire quali sono le problematiche da risolvere per lanciare il dispositivo da lui creato sul mercato.

Marco il mercato del settore si è accorto di te?

Con i prototipi creati ho già creato un forte interesse per il prodotto , specificamente nel campo del fitness, collaboro già con alcune aziende del settore importanti,e sono pronte a distribuire il prodotto appena sarà fatta la produzione. Attualmente nel mio piccolo con le varie fiere svolte, ho attirato l’interesse per una azienda in America Latina ed una in Francia.

Come immagini possa essere distribuito?

Il mio obbiettivo primario  è creare la dipendenza da questo prodotto, che potrà essere distribuito da aziende del settore sportivo,dovrà diventare un accessorio che si potrà comprare in tutte le grandi catene di distribuzione,il mio progetto futuro e farlo diventare lo smart watch del suono.

Per fare questo c’è bisogno di investimenti importanti….

Attualmente ho bisogno di investitori per fare la grossa produzione ed abbattere i costi, il prodotto finale sarà un assemblato di tre aziende diverse, questa scelta è stata fatta per un motivo logico, evitare che un potenziale concorrente abbia strada facile nel trovare i componenti. Siccome non ho intenzione di aprire una fabbrica in Italia, ma nemmeno in Cina, per abbattere i costi di partenza,voglio invece aprire una collaborazione con aziende già esistenti, con le quale già collaboro, e che sono pronte alla produzione. Per far si che queste aziende producano tutto su misura e personalizzato devo garantire loro  una produzione minima di 5000 pezzi ed essendo 4 le aziende parliamo di 20000 pezzi totali,.per produrre questa fornitura minima occorre un investimento iniziale di circa  300.000 euro, successivamente saranno le aziende sportive a curare la distribuzione con le loro reti vendite in tutto il mondo.

Tags: , , , ,

No comments yet.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

Via dei Molinari: una strada inadeguata e pericolosa

Via dei Molinari è una strada di circa 1.500 metri che collega via del Gallitello alla strada provinciale 84 che […]

ROSSELLINO ED IL PARCO MAI NATO

Rossellino è una contrada nella immediata periferia di Potenza, si trova a ridosso del raccordo autostradale Sicignano – Potenza per […]

Parco Aurora vuole uscire dal degrado

Articolo pubblicato su Controsenso del 16 novembre 2019   Nato negli anni ’70 il quartiere Parco Aurora è situato a […]

La maggioranza di centro-destra alla Regione favorisce le lobby del gioco d’azzardo

Articolo pubblicato su Controsenso del 9 novembre 2019 Solo due settimane fa, era il 25 ottobre, lo SPI – CGIL […]

Via Enna, i residenti danneggiati dal senso unico

Via Enna non è molto conosciuta ai potentini ma se gli si spiega che quella strada, con un dislivello notevole, […]

Un comitato per il Centro Storico di Potenza

Uno degli argomenti più dibattuto in città è quello sulla vivibilità del Centro Storico, la parte antica di Potenza, quella […]