Modifiche alle corse del trasporto pubblico a Potenza, ma l’utenza è sempre di meno

Modifiche alle corse del trasporto pubblico a Potenza, ma l’utenza è sempre di meno

DSCN3441

Lunedì scorso 6 maggio il trasporto pubblico a Potenza subisce un refresh, più volte annunciato e finalmente attuato, per quanto riguarda alcune corse del trasporto su gomma, con un comunicato stampa il Comune informa la cittadinanza  che “A seguito della conclusione dell’esercizio contrattuale 2016-2018 e della fase sperimentale adottata a partire da metà anno 2017, per recepire le varie esigenze manifestate all’Amministrazione dalla cittadinanza, unitamente alla puntuale verifica dei percorsi e chilometraggi relativi al triennio, si è potuto dar corso ad alcune razionalizzazioni di linee ed orari del piano di esercizio su gomma attualmente in essere che entreranno in vigore lunedì 6 maggio.

La distribuzione urbana dei quotidiani flussi di utenze cittadine, oltre alle considerazioni per i poli scolastici, già più volte analizzate, porta a quattro attuali valutazioni inerenti diverse zone della città:

– necessaria integrazione nel servizio urbano della zona di Viale del Basento, commercialmente attiva con la presenza di svariate attività di grande e piccola distribuzione oltre che di uffici pubblici di notevole interesse nonché del parco fluviale che, con gli ultimi interventi compiuti dall’Amm.ne, è diventato fulcro delle attività ludico/sportive cittadine;

– miglioramento dei flussi per il centro storico, con collegamento diretto di aree periferiche attualmente escluse;

– necessità di rivedere alcune linee urbane normalmente poco utilizzate, in quanto ritenute non soddisfacenti per le esigenze dei cittadini delle zone specificatamente interessate, tra cui la linea 4 per la zona sud/est della città (Malvaccaro, Poggio tre Galli, Gallitello) e la linea 8 per la zona sud/ovest (Complanari, Chianchetta);

– possibilità di aumento delle corse per le aree rurali a forte densità abitativa.

Fermo restando il computo complessivo dei chilometri previsti dal vigente piano di esercizio così come contrattualizzato con il gestore del TPL, sulla scorta delle analisi di cui ai punti sopra descritti, vengono adottate soluzioni di ottimizzazione con variazione di alcuni percorsi e orari, come di seguito descritto.”

Non è la prima volta che questa Amministrazione apporta dei correttivi al TPL (trasporto pubblico locale),quindi bisogna aspettare di verificare il gradimento dell’utenza per esprimere un giudizio, non viene aumentato il numero di kilometri da percorrere ma viene fatta una ottimizzazione delle corse e ciò ci lascia un tantino perplessi.

Proprio il trasporto pubblico, da sempre poco utilizzato dai potentini, è oggetto di numerose critiche da parte dell’utenza  che quasi quotidianamente esprime il malcontento sulle pagine della stampa locale e sui social.

Si denuncia l’inaffidabilità in quanto molto spesso saltano alcune corse, alcuni cittadini ci hanno ultimamente segnalato il salto di due corse consecutive che si ripetono per più giorni, la faccenda risulta drammatica laddove la frequenza delle corse è di un’ora. Mancano sulle strade informazioni circa il tragitto delle corse e manca del tutto alle fermate un prospetto che possa indirizzare, soprattutto i forestieri, l’utenza.

Sono state realizzate numerose pensiline, dotate di panchine, qualcuna anche illuminata, ed è un buon passo avanti se non altro per attendere con un certo confort il passaggio del bus che spesso arriva in ritardo rispetto all’orario previsto.

I cittadini si erano illusi quando venne annunciato il progetto di infomobilità che avrebbe avvicinato Potenza alle grandi città in cui sarebbe stato  possibili avere notizie in tempo reale sul passaggio dei bus, anche attraverso l’utilizzo del cellulare. Il progetto però è miseramente naufragato dopo che erano state posizionate gran parte delle paline con schermo multimediale, in fase di test del servizio ci si è resi conto dell’inadeguatezza del prodotto installato ed è stato instaurato un contenzioso con la ditta vincitrice dell’appalto dopo che una perizia sulle paline ha accertato non conformità delle stesse alle norme in materia ed a quanto stabilito nel contratto di appalto. E’ stato instaurato un contenzioso giudiziario che con i tempi della giustizia italiana sarà risolto fra alcuni anni. Quindi niente infomobilità avanzata, niente  informazioni “tradizionali” ma tanta confusione lungo il tragitto dei bus in quanto non sono state rimosse alcune paline che fanno riferimento ai vecchi gestori del trasporto pubblico, COTRAB e perfino STI che ha gestito il trasporto circa 20 anni fa, e che servono solamente a confondere gli utenti.

Anche le scale mobili, inserite nel sistema di trasporto pubblico, presentano diverse problematiche, a cominciare dai frequenti guasti che fermano alcune rampe, guasti che vengono riparati in tempi biblici guasti forse dovuti alla scarsa manutenzione effettuata negli anni passati. Anche l’orario di apertura delle scale mobili non soddisfano a pieno l’utenza, la chiusura serale andrebbe posticipata di qualche ora in quanto, la “movida” notturna nel centro storico si protrae ben oltre l’orario di chiusura degli impianti.

A queste ormai croniche criticità si somma un rapporto conflittuale fra dipendenti e l’azienda Trotta che ha avuto prorogato il contratto fino a novembre prossimo, questo perché la Regione Basilicata non ha ancora predisposto la gara per il TPL.

I sindacati del settore hanno più volte protestato, talvolta scioperando, denunciando alcune inadempienze da parte della ditta Trotta, si protesta per il sistematico ritardo con cui vengono corrisposti gli stipendi ed il versamento dei contributi previdenziali oltre che  per le condizioni di sicurezza derivanti, a detta dei sindacati, dalla vetustà del parco bus che si guasta con frequenza mettendo a repentaglio la sicurezza di autisti e utenti.

Con la consiliatura che volge al termine la patata bollente del trasporto pubblico passerà ai nuovi Amministratori, tutti i candidati Sindaco hanno inserito nel loro programma interventi per migliorare il servizio di mobilità in città. Non ci resta che attendere.

Tags: , , ,

No comments yet.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

Intervista all’Assessore all’Urbanistica e Lavori Pubblici del Comune di Potenza

Antonio Vigilante è un giovane ingegnere eletto in una lista civica che ha appoggiato la candidatura a Sindaco di Mario […]

Riecco il traffico

L’11 settembre ricade l’anniversario della strage terroristica in America in cui furono distrutte le famose torri gemelle, qualcuno, ironicamente, ha […]

L’altro “parco fluviale”

L’estate potentina è stata caratterizzata dalle feroci polemiche intorno al Parco Fluviale del Basento riaperto nella sua interezza dopo lunghi […]

Intervista a Mario Guarente, Sindaco di Potenza

Articolo pubblicato su Controsenso del 31 agosto 2019 Insediatasi da un paio di mesi la nuova Giunta Comunale frutto di […]

Un ufficio postale a Macchia Romana

Articolo pubblicato su Controsenso Basilicata del 31 agosto 2019 Macchia Romana, per anni simbolo di “quartiere dormitorio” , ha visto […]

Il parco Baden Powell

Tempo d’estate, caldo opprimente ed i parchi cittadini diventano il rifugio per godersi un po’ di fresco, fra le aree […]