Lo Stato “canaglia” lucra sul gioco d’azzardo favorendo il diffondersi della ludopatia

Lo Stato “canaglia”  lucra sul gioco d’azzardo favorendo il diffondersi della ludopatiaLo Stato “canaglia”  lucra sul gioco d’azzardo favorendo il diffondersi della ludopatiaLo Stato “canaglia”  lucra sul gioco d’azzardo favorendo il diffondersi della ludopatia

DOVE SI GIOCA DI PIU copia

Articolo pubblicato su Controsenso del 6 gennaio 2018

In Italia il gioco d’azzardo, parliamo di quello “legale”, è sfuggito al controllo delle Istituzioni, quello illegale è una fonte di finanziamento della malavita e di cui, ovviamente, non se ne conosce la portata, il giro d’affari delle attività legate al business del gioco d’azzardo legalizzato sfiora i 100 miliardi annui cioè quasi il 5% del PIL del nostro Paese.

Si è calcolato che un italiano su due, gioca  almeno una volta all’anno. I giocatori patologici sono circa 800.000, oltre 12.000 sono quelli attualmente in trattamento, almeno 1.700.000 quelli a rischio. Il gioco d’azzardo può essere un divertimento ma il rischio che diventi una patologia è drammaticamente reale.

Si è cercato di regolamentare tutta la materia attraverso la legislazione, è il Ministero dell’Economia e delle Finanze che, per mezzo l’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato, cura tutti gli aspetti normativi del gioco pubblico. Ed è proprio l’AAMS che concede le licenze alle società che “commercializzano” i vari giochi.

Sono una infinità le “tentazioni” per gli amanti dei giochi e delle scommesse, è difficile fare un inventario completo ma ci proviamo.

Il gioco più popolare è senz’altro quello  LOTTO a cui si è aggiunto successivamente  il 10 E LOTTO, attorno alle estrazioni sono sorti altri giochi (Supernenalotto, Superstar, SiVinceTutto Superenalotto, Eurojackpot, Win for life). I giochi a “base sportiva” comprendono l’ormai decadente TOTOCALCIO, e TOTOGOL, si sono poi affiancate le SCOMMESSE VIRTUALI e, BIG MATCH. Per gli appassionati di cavalli ci sono le scommesse a base ippica (Ippica nazionale, Ippica internazionale, Scommesse ippiche in Agenzia, V7). Passando alle lotterie hanno preso piede in maniera devastante le lotterie istantanee, i cosiddetti GRATTA E VINCI, ce ne sono una infinità e si affiancano alle lotterie istantanee on line,  GRATTA E VINCI ON LINE , resistono le lotterie tradizionali in genere abbinate ad un evento, la più famosa è la LOTTERIA ITALIA che il 6 gennaio da molti anni distribuisce i premi. Anche se hanno perso l’appeal iniziale le sale BINGO, simulando il gioco della tombola continuano ad operare in molte città, dove non ci sono le sale gli “appassionati” si possono accontentare del BINGO ON LINE.  I giochi di carte ed abilità a quota fissa, SKILL GAMES, consentono vincite in denaro.

EURO PRO CAPITE copia

Il “nocciolo duro” del gioco d’azzardo è però rappresentato dagli apparecchi di intrattenimento presenti in apposite sale collegate ad un server verificabile da AAMS,   le VIDEOSLOT, insieme alle VIDEOLOTTERY (VLT),  consentono vincite in denaro  ma contribuiscono in maniera devastante a mettere sul lastrico migliaia di persone.

Sul web il gruppo editoriale dell’Espresso ha  messo on line un sito che consente di verificare, Comune per Comune, l’importo delle giocate fatte utilizzando le slot machine, abbiamo ricavato delle tabelle relative ai comuni lucani da cui viene fuori un panorama sconfortante ed in alcuni casi sconvolgente. I dati, riferiti al 2016, ci dicono che in Basilicata sono stati spesi oltre 300 milioni di euro nelle circa 4.000“ macchinette” mangiasoldi installate, nelle sale slot, nei bar e nei tabacchini, a queste cifre vanno aggiunte quelle  per tutte le altre forme di gioco che abbiamo elencato, comprese le scommesse che sfuggono ai controlli in quanto , il più delle volte, si fanno su internet con i server operanti in paesi esteri, dati ufficiali non ne esistono ma sicuramente i lucani sperperano almeno altri 300 milioni di euro all’anno. Non tutti i giocatori sono occasionali, ce ne sono molti che diventano ludopatici, giocatori incalliti che sperperano tutti i propri guadagni o risparmi trascinando sovente le famiglie nella miseria. Se da un lato lo Stato introita circa 10 miliardi all’anno derivanti dalla tassazione dei giochi, nell’ultimo anno si stima che gli italiani, solo con le slot, hanno giocato circa 100 miliari di euro, ripetiamo che parliamo di miliardi e non di milioni, per cui è evidente che il fenomeno è diventato un gravissimo problema sociale che obbliga, fra l’altro, lo Stato a spendere un sacco di soldi per tentare di curare coloro che sono affetti da ludopatia.

PERC APP PER ABITANTI copia

Dalle nostre parti opera da qualche anno l’Associazione Famiglie Fuori gioco che molto meritoriamente si batte per contrastare nella nostra Regione la degenerazione del gioco d’azzardo. Dal  Presidente Michele Cusato ci facciamo aggiornare su come vanno le cose in Basilicata e a Potenza.

.Presidente come la Regione Basilicata ha inteso porre dei paletti e regolamentare il fenomeno del gioco d’azzardo sul nostro territorio?

Nel 2014 la nostra Regione ha approvato la Legge Regionale n° 30, “Misure per il contrasto alla diffusione del gioco d’azzardo patologico (G.A.P.)”.

Ma a quanto pare non è cambiato nulla, per il momento non c’è stato alcun contrasto…

Infatti, i comuni che hanno fatto qualcosa si contano sulle dita di una mano e non esercitano nemmeno  i dovuti controlli!  L’unica cosa positiva è la costituzione  dell’Osservatorio istituito dalla stella legge e che ha prodotto un progetto approvato dal Ministero della salute e dall’Osservatorio nazionale senza alcun rilievo ed è quindi  immediatamente esecutivo con un finanziamento di poco più di 420.000 euro.

Quindi se non altro c’è quest’osservatorio….

C’è solo sulla carta in quanto,  nonostante il finanziamento sia già disponibile, è tutto fermo in quanto  la Regione non convoca l’organismo e c’è la concreta  possibilità che questi soldi ritornino allo Stato.

E nel Comune di Potenza, città dove il gioco d’azzardo è presente in maniera massiccia, cosa si fa per arginare il fenomeno?

Dietro sollecitazione di alcune associazioni alla fine dello scorso ottobre s’è tenuto un incontro a cui hanno partecipato le Assessore Celi ed Errico, il capitano della Polizia Locale Romaniello, il dottor Ruoti, un funzionario dell’Assessorato alle Attività produttive,  il responsabile del SERT, un rappresentante del CESTRIM oltre a noi dell’Associazione Famiglie fuori gioco, assenti i rappresentanti della Confcommercio e Confesercenti. Nel corso dell’incontro è emerso che dopo la seduta congiunta della quarta e quinta commissione consiliare, nel corso della quale si era convenuto di stabile degli orari per le sale slot ed affini, nulla si è mosso ed il Comune non ha preso alcuna iniziativa, non ha contattato i gestori delle sale per intimare loro di rispettare le regole ne ci risulta abbia fatto i doverosi controlli.

In pratica a combattere contro la ludopatia siete solo voi delle Associazioni.

Noi dell’Associazione famiglie fuori gioco  continuiamo nella nostra opera di informazione e prevenzione organizzando  incontri con  ii sindaci dei Comuni lucani,  prendiamo contatti con scuole medie di secondo  grado;  continuiamo organizzando  gruppi di auto mutuo aiuto per tirar fuori da questa dipendenza quanti ci chiedono aiuto;  insieme a noi operano i SERD, altre associazioni come l’ Associazione insieme,  l’Associazione omnia mentis su Matera, i CSV.  Tutti insieme  auspichiamo che la Regione Basilicata convochi al più presto l’Osservatorio per poter realizzare il progetto già pronto e finanziato,  auspico altresì che il Comune di Potenza prenda delle decisioni  per la tutela dei cittadini, nel caso  di ulteriore indugio sarò costretto, a nome dell’Associazione, a denunciare alla Procura della Repubblica una probabile omissione di atti di ufficio da parte di chi deve e può far rispettare la Legge regionale, che fra l’altro, è bene ricordarlo, fissa delle distanze minime da rispettare l’apertura di sale giochi e il posizionamento di  apparecchi elettronici.

 

 

Tags: , , , , , , , , ,

No comments yet.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

La città vista con gli occhi di Lucia Arcieri

Articolo pubblicato su Controsenso del 18 febbraio 2018 Da anni la famiglia Arcieri è attiva nella città di Potenza con […]

Stefano Mele sempre in prima linea per rivendicare i diritti dei disabili

La campagna elettorale impazza, anche in Basilicata pur di catturare le simpatie degli elettori  tutti i contendenti, oltre a divulgare […]

Da che pulpito viene la predica?!

Mondo è e mondo sarà. Di farabutti che popolano il parlamento italiano sono pieni gli scranni di Camera e Senato […]

Palazzo D’Errico restaurato ma rimane inutilizzato

Frequentare le strade del Centro Storico di Potenza nelle ore antimeridiane, ma anche pomeridiane e serali,  è diventato deprimente se […]

Il Centro Storico di Potenza, la ricetta di Salvatore Guttieri per rivitalizzarlo

Articolo pubblicato su Controsenso del 3 febbraio 2018   Il Centro Storico di Potenza nel corsi degli anni è andato […]

La signora Lucia del Forno delle Sorelle Palese, storia e tradizione

Articolo pubblicato su Controsenso del 27 gennaio 2018 La crisi del commercio a Potenza sembra inarrestabile, ogni anno decine di […]