I tempi lunghi della sanità lucana

I tempi lunghi della sanità lucana

TEMPI D'ATTESA ASP

Aumentano i tempi di attesa delle prestazioni sanitarie nelle strutture pubbliche lucane, in qualche caso l’attesa può arrivare a due anni, anche per tipologia di prestazione molto delicate e che possono mettere a rischio la vita del paziente. Non è un problema solo lucano, in quasi tutte le regioni i tempi di attesa per alcune prestazioni sanitarie vengono erogate in tempi esageratamente lunghi, eppure la nostra Costituzione  all’articolo 32, nel primo capoverso, è esplicita “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti.”  Ma nella realtà il cittadino è costretto a rivolgersi sempre più spesso alle strutture private sia per curarsi che per svolgere esami e diagnosi.

Si è rivolto a noi un pensionato potentino ultraottuagenario, invalido e con gravi problemi di deambulazione, per denunciare che per effettuare una visita cardiologica ed un elettrocardiogramma nella città di residenza deve aspettare il mese di ottobre, in alternativa può recare presso l’ospedale di Pescopagano, 70 km all’andata e altrettanti al ritorno su strade non certo comode, il giorno  11 giugno. Il signor Aldo Cosentino, questo il nome del pensionato che si lamenta per l’inefficienza del sistema sanitario lucano, fa notare che non è in condizioni per affrontare un viaggio così scomodo per raggiungere la sede dell’ospedale di Pescopagano a causa degli acciacchi, egli non riesce a capire perché nell’ospedale San Carlo o presso il poliambulatorio Madre Teresa di Calcutta non sia possibile fare un elettrocardiogramma e la visita cardiologica in tempi brevi.

Abbiamo voluto verificare come stanno le cose e lunedì 7 maggio abbiamo chiamato il Centro Unico di Prenotazione della Regione Basilicata per verificare quando fosse possibile fare una visita cardiologica con relativo elettrocardiogramma, l’operatrice ci ha informato che a Potenza la prima data disponibile è ad ottobre 2018 presso il  poliambulatorio Madre Teresa di Calcutta, non ci sono date per le prestazioni presso l’Ospedale San Carlo, le strutture sanitarie più vicine, Rionero e Melfi, sono disponibili, rispettivamente, a luglio e ad agosto, all’ospedale di Venosa, distante oltre 60 km, ci sarebbe un posto per il 26 giugno, presso il nosocomio di Pescopagano si potrebbe avere le prestazioni per il 18 giugno.

Bisognerebbe verificare se l’Azienda Sanitaria del Potentino riesce a soddisfare le richieste del cittadino entro l’arco temporale così come previsto nel Piano nazionale di governo delle liste d’attesa, elaborato dall’Intesa tra il governo e le regioni che stabilisce le priorità e i tempi massimi per l’erogazione di esami, visite specialistiche, ricoveri ospedalieri e interventi chirurgici da parte del Servizio Sanitario. Le priorità temporali previste sono quattro, contraddistinte dalle lettere U (prestazioni “urgenti” a cui l’utente ha diritto entro 72 ore), B (prestazione da fornire in tempo “breve”, in meno di 10 giorni) , D (prestazioni “differibili”, che, se fornite in tempi meno celeri, non pregiudicano la salute del paziente)  e P (visite ed esami “programmati”, non urgenti, per le quali la regola stabilisce un massimo di 180 giorni). Il medico compilerà l’impegnativa e indicherà nel campo “priorità della prestazione” la lettera corrispondente all’urgenza della prestazione.

Di sicuro c’è l’anomalia che il più importante presidio ospedaliero regionale, l’Ospedale San Carlo, non riesce a far fronte alle richieste nel reparto di Cardiologia in quanto a causa di pensionamenti e trasferimenti il reparto va in affanno mentre il Piano nazionale di governo delle liste d’attesa ha classificato la cardiologia “area prioritaria” ed è sconveniente  dover dirottare tanti pazienti verso strutture periferiche lontane e difficili da raggiungere, e, in tutti i casi, ubicate nel nord della regione per cui i residenti delle aree interne del sud della Basilicata sono oltremodo penalizzati.  Abbiamo cercato di verificare sul sito web dell’Azienda Ospedaliera San Carlo, nella sezione “Amministrazione trasparente – servizi erogati – liste di attesa” la tempistica per effettuare una visita cardiologica ma abbiamo constatato che il servizio non è funzionante, si spera che sia un problema tecnico transitorio perché è vietato sospendere le attività di prenotazione delle prestazioni per cui sono previsti tempi massimi d’attesa.

Le malattie del sistema cardiocircolatorio, insieme a quelle tumorali,  sono le principali cause di morte in Italia. Molti di questi decessi potrebbero essere evitati anche attraverso interventi tempestivi nella diagnosi e nella cura. Pertanto è necessario che i tempi massimi d’attesa per ciascun piano diagnostico terapeutico non siano superiori a 30 giorni per la fase diagnostica e 30 giorni per l’inizio della terapia dal momento dell’indicazione clinica.

Ovviamente chi se lo può permettere accorcia i tempi di attesa rivolgendosi alle strutture private che, dietro adeguato corrispettivo, fornisce le prestazioni in tempi rapidi, il problema quindi riguarda le persone con redditi bassi, soprattutto i pensionati, per cui è evidente che l’articolo 32 della Costituzione non è applicato a tutta la popolazione.

 

Tags: , ,

No comments yet.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

Una infrastruttura attesa da tanto tempo

La consiliatura a guida De Luca volge al termine, a maggio i potentini torneranno alle urne per scegliere i nuovi […]

Ludopatia: il Comune di Potenza regolamenta il funzionamento delle “macchinette”

(vignetta di Mario Bochicchio) La diffusione sul territorio nazionale, e di conseguenza anche nella città di Potenza, di sale giochi […]

I sorpassati

(foto di Nicola Figliuolo) Con Dino De Angelis condivido due passioni, quella per il basket e l’amore per la nostra […]

Utilizzare i sorpassometri sulla Potenza – Melfi

La Strada Statale 658 Potenza – Melfi, ribattezzata “strada” della morte, è stata ultimata nei primi anni 80 del secolo […]

Potenza, aumenta la popolazione anziana e c’è il problema dell’assistenza

La Basilicata oltre che a spopolarsi sta diventando una regione dall’età media sempre più alta, non fa eccezione il capoluogo […]

Il “film”, in bianco e nero, del 2018 in Basilicata

Sono anni che nel bilancio annuale della Basilicata si ripetono quasi sempre le stesse tematiche che sono diventate una sorta […]