AVIS vs AVIS

AVIS vs AVIS

20181127_113354

Negli ultimi anni le vicende della sede AVIS potentina hanno riempito le cronache dei giornali a seguito di poco piacevoli accadimenti che sono sfociati in contenziosi giudiziari fra soci oltre che in una sorta di guerra fredda con la struttura regionale, gli ultimi mesi sono però stati vissuti con molta preoccupazione dalla dirigenza della sede AVIS di Potenza a causa dell’incombente sfratto dalla ormai storica sede in via Volontari del sangue nel rione Santa Maria. I termini del contendere sono noti da tempo l’ATER, proprietario dell’immobile chiede il pagamento delle mensilità arretrate a partire dal 2009 per circa 240.000 euro altrimenti entro febbraio lo sfatto diventa esecutivo. Per un certo periodo, grazie ad una convenzione fra AVIS e Regione Basilicata, è stato l’ente regionale, attraverso il Dipartimento Presidenza della Giunta  a provvedere alle spese di locazione ma solo fino al 2012, gli ultimi 3 anni in ossequio ad una convenzione fra Regione ed AVIS regionale,   poi, come documentato da un carteggio interno alla Regione,  avrebbe dovuto provvedere il Dipartimento Politiche della Persona, ma, di fatto, non ha provveduto per cui si sono accumulati debiti per circa 240.000 euro. Il presidente Pittella in persona aveva garantito che nelle pieghe del bilancio regionale si sarebbero trovati i fondi per mettere la classica pezza per saldare gli arretrati. Così non è stato. Ad ottobre scorso il consiglio regionale, con l’astensione dei consiglieri del M5S, approvò una mozione con cui si dava mandato alla Giunta regionale di reperire i fondi per sanare il debito dell’AVIS potentina.

Nel mentre la dirigenza dell’AVIS comunale si adopera per sensibilizzare la classe politica regionale affinché nella variazione di bilancio si preveda lo stanziamento per sanare il debito verso ATER, come una doccia gelata, in un articolo del 23 novembre, scorso sul Quotidiano del Sud vengono riportate notizie secondo cui  il Direttore Generale del il Dipartimento Politiche della Persona in un pro memoria per la Presidenza del Consiglio fa alcune precisazioni che non convincono i dirigenti dell’AVIS comunale Potentina i quali in una conferenza stampa tenutasi la settimana scorsa ribattono punto su punto alle affermazioni del DG Donato Pafundi, contestualmente scrivono una lettera alla dottoressa Flavia Franconi, Presidente Facente Funzione della Regione Basilicata, e a tutti i consiglieri regionali in cui illustrano la loro posizione in merito alle affermazioni del DG della Sanità comparse su “Il Quotidiano del Sud”,  una nota in cui l’AVIS potentina fa la cronistoria della vicenda e spiega i motivi per cui la Regione dovrebbe continuare a sostenere l’Associazione per i vantaggi, diretti ed indiretti, che il sistema sanitario regionale beneficia per l’apporto decisivo alla raccolta di sangue e plasma dato proprio dalla sezione AVIS del capoluogo di regione.

L’ex presidente dell’AVIS Comunale, assurto negli anni passati a vice presidente nazionale dell’associazione, fa la cronistoria della sede AVIS comunale specificando che “il fabbricato lo costruì Istituto Autonomo Case Popolari quando l’area venne lottizzata per realizzare un caseggiato di case popolari, una legge imponeva di destinare un tot di metri quadri ad edilizia per uso sociale e così n’acque l’edificio che oggi ospita la sede AVIS potentina. Con il tempo IACP si trasforma prima in EPER e poi in ATER, quindi in Ente subregionale ed urbanisticamente  rimane il vincolo che prevede che l’immobile abbia la destinazione d’uso sociale. Prima dell’AVIS provvisoriamente il fabbricato ospitò i salesiani ancora privi della chiesa e poi  una scuola.

In pratica la Regione Basilicata sta pagando la locazione della sede AVIS di Potenza dal 1984, prima come contributo straordinario oggi come rapporto regolato da convenzione quindi trattasi di debito dovuto, mentre la Regione Basilicata, attraverso l’ente sub regionale ATER, risulta proprietario dell’immobile che ospita i locali dell’AVIS di Potenza per quanto invece concerne la destinazione d’uso esiste una delibera dell’EPER in cui viene stabilito che i locali di sua proprietà erano destinati all’ASL n°2 con vincolo di destinarli ad AVIS e la Regione, fino alla scadenza della convenzione,  non ha mai disconosciuto queste cose e fino al 2009 il Dipartimento della Giunta ha sempre onorato l’impegno, poi la competenza doveva passare alla Sanità ma è successo che l’anno successivo un dipartimento cancella la posta in bilancio e l’altro dimentica di iscriverlo.

All’AVIS cittadina si sono resi conto del problema quando è stata fatta la prima ingiunzione di sfratto, nella circostanza l’AVIS regionale, firmatario della convenzione con la Regione, pur essendo organismo autonomo, rispetto all’AVIS comunale, dal punto di vista politico-amministrativo, sarebbe dovuto intervenire sulla Regione per far valere il proprio potere contrattuale. Non è stato fatto. Forse perché, nel frattempo, l’AVIS comunale poneva delle questioni di carattere interne afferenti la vita associativa che evidentemente davano fastidio. Si evidenzia che la sede comunale AVIS del capoluogo è meritevole di attenzione in quanto con la propria attività di “reclutamento e gestione” dei volontari produce, in solido, un valore aggiunto per le casse regionali in quanto indirettamente contribuisce a “produrre” i cosiddetti plasmoderivati, cioè quel farmaci, molto costosi, che si ricavano dal plasma, dall’albumina all’antitetanica, e la Regione dalla vendita di questi prodotti ottiene medicine a prezzi calmierati. L’importazione di sangue ha dei costi notevoli tenendo presente che una sacca costa 180 euro oltre al trasporto, nel  solo del 2018 sono stati importate 550 unità.

 Quindi per evitare le emergenze, estive ed invernali, che si sono presentate ultimamente, è fondamentale favorire la raccolta in Basilicata laddove la sezione di Potenza è quella che contribuisce in maniera rilevante, con l’autonomia si possono avere risparmi consistenti di spesa tenendo conto che un giorno in più per fare un intervento in cardiochirurgia costa  circa 900 euro al giorno ed una dimissione ritardata in neonatologia arriva a costare 1500 euro. Solo per la produzione di albumina la regione ha un fabbisogno di circa 12 milioni all’anno  che si possono reperire con le donazioni interne.”

Il giorno antecedente la riunione del Consiglio Regionale si registra un intervento a gamba tesa del presidente dell’AVIS regionale che in una nota inviata a Giunta e Consiglio regionale sostiene, fra l’altro, che la sede “amministrativa e di rappresentanza” dell’AVIS comunale non ha valenza strategica nella raccolta di sangue. Apriti cielo! Immediata la replica del presidente di AVIS Potenza, Anthony Clemente, che senza mezzi termini sconfessa il presidente regionale in quanto “delegittimato ad agire a nome dell’Associazione a seguito di un pronunciamento del Collegio nazionale dei Probiviri Avis del 19 maggio scorso e, successivamente, a pronunciamento del Giurì nazionale Avis del 22 settembre e dello stesso Collegio nazionale dei Probiviri Avis del 14 ottobre, che confermano l’annullamento dell’assemblea provinciale Avis del 2017 e di conseguenza dell’assemblea regionale dello stesso anno” per cui il Consiglio Regionale ed il Direttivo  è stato eletto impropriamente e contestualmente si diffidano formalmente i vertici regionali AVIS a rappresentare l’Associazione in Basilicata.

Abbiamo chiesto lumi al Dipartimento Politiche della Persona della Regione Basilicata che fa sapere che fino al 2009 è stato rispettata la convenzione in essere con AVIS provvedendo a pagare la locazione per la sede potentina AVIS in quanto operava come centro di raccolta del sangue, accertato che nei locali di via Volontari del Sangue non si fanno più donazioni non c’è più l’obbligo di contribuire al pagamento del fitto essendo i locali privi di autorizzazione ed accreditamento, a Potenza operano due centri dove è possibile donare il sangue, l’Ospedale San Carlo e presso la i locali dell’AVIS Regionale in Largo don Uva. Nella città di Potenza esistono tre sedi riconducibili ad AVIS, oltre alla sede comunale c’è la sede regionale in Via Giovanni XXIII e la sede ove avvengono i prelievi in Largo don Uva e la Regione paga all’AVIS regionale le prestazioni da essa erogate. Non ci sarebbe dunque nessuna emergenza per i donatori che volessero continuare a fare le donazioni in quanto operano, senza problemi, i centri del San Carlo e quello AVIS di Largo don Uva. Eventuali problemi fra la sede cittadina e quella regionale dell’AVIS devono essere risolti al loro interno.

Per fortuna il pressing messo in atto dai soci dell’AVIS di Potenza  è servito e nella seduta del Consiglio Regionale del 30 novembre è stato votato un emendamento che consente di scongiurare lo sfratto della sede potentina dell’AVIS.

 

Tags: ,

No comments yet.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

Il “film”, in bianco e nero, del 2018 in Basilicata

Sono anni che nel bilancio annuale della Basilicata si ripetono quasi sempre le stesse tematiche che sono diventate una sorta […]

Il futuro del Centro Storico di Potenza, sempre più indefinito

Il dibattito su Centro storico è un argomento everygreen, si discute, e si polemizza, d’estate e d’inverno, pure durante le […]

Sulle strade di Potenza è facile perdersi, segnaletica da migliorare

Potenza è città di servizi per cui negli uffici statali e locali ci vengono persone da tutta le regione, nel […]

A Potenza tanti fabbricati sotto le onde elettromagnetiche

articolo pubblicato su Controsenso del 13 ottobre 2018 La sottostazione Enel di via del Gallitello molti anni fa si trovava […]

Intervista al comandate della Polizia Locale di Potenza – seconda parte

Articolo pubblicato su Controsenso del 29 settembre 2018 Alcuni cittadini segnalano che ci sono zone “franche” dove le violazioni del […]

L’attività della Polizia Locale di Potenza – prima parte

Articolo pubblicato su Controsenso del 22 settembre 2018 Il compito di far rispettare le Leggi è noto spetta alle forze […]