Ai minimi storici i prezzi dei carburanti

Ai minimi storici i prezzi dei carburanti

20150116_093829

 

Oggi il costo della benzina presso l’impianto ove mi servo abitualmente è sceso per la prima volta dal 2010 sotto 1,4 euro per ogni litro. Una cosa inimmaginabile qualche mese fa.

Ho chiesto al mio amico gestore quando è stata l’ultima volta che il costo della benzina era uguale ad oggi, fatte le debite ricerche è venuto fuori che sono trascorsi oltre 4 anni, infatti il prezzo di 1,399  euro fu registrato l’ultima volta a novembre del 2010. Il picco con il prezzo più alto è stato registrato ad agosto 2012 quando il prezzo della benzina arrivò a 1,865 euro al litro.

Il prezzo alla pompa non rispecchia l’andamento del prezzo del greggio, le accise incidono in maniera decisiva, se così non fosse avremmo pagato la benzina molto di meno di quanto la paghiamo.

Ho fatto delle ricerche ed ho scoperto  che a novembre 2010 il petrolio era quotato 83 dollari ed il prezzo della benzina alla pompa (mi riferisco all’impianto di Potenza ove sono cliente) era di 1,399 euro al litro, oggi la quotazione è di circa 47 euro, se ci volessimo avventurare in calcoli matematici che non tengono conto della tassazione potremmo azzardare  a dire che avremmo dovuto pagare la benzina circa 1 euro al litro così non è, probabilmente un poco di speculazione le compagnie la fanno, lo Stato ci mette del suo aumentando le accise.

Qualche riflessione bisogna pur farla perché al prezzo dei carburanti sono legati i prezzi delle merci, sia alimentari che non. Quando il prezzo dei carburanti sono arrivati a sfiorare 1,90 euro la benzina ed il gasolio in proporzione, ci furono aumenti giustificati con il maggior onere per il trasporto, tutti i listini vennero adeguati e pur con qualche mugugno gli italiani si sono abituati a questi prezzi maggiorati.

Ora che il costo dei carburanti è clamorosamente diminuito di oltre il 30% non trovo riscontro di alcun ribasso di merci ed alimenti e qualcosa non mi quadra, è evidente che qualcuno fa il furbo e spero che le Associazioni di consumatori facciano il loro dovere.

Per noi lucani c’è da fare un altro importante ragionamento per quanto concerne le royalties che le compagnie che estraggono nella nostra regione devono versare alla regione ed ai comuni interessati dalle estrazioni. L’accordo prevede che a titolo di risarcimento per il “disturbo” arrecato L’ENI e le altre compagnie che trivellano la Basilicata devono versare una quota del ricavato derivante dalle estrazioni di petrolio e se il ricavato diminuisce a causa del calo del prezzo del greggio alla Basilicata arrivano un sacco di soldi in meno che causeranno seri problemi di bilancio.

Per intanto la ricarica della famosa Card-carburanti per gli anni 2012 e 2013 tarda ad essere accreditata ai patentati lucani che la richiesero qualche anno fa…..

Tags: , , ,

Comments are closed.

Salviamo uno dei borghi più belli d’Italia

La Basilicata è presa d’assedio dalle lobby dell’energia e del trattamento dei rifiuti, già prima dell’entrata in produzione dei pozzi […]

Potenza: capoluogo dell’indisciplina

Potenza non è più la cittadina ordinata e pulita che conoscevamo alla fine del secolo scorso. Con la crescita urbanistica […]

Il mercato immobiliare a Potenza all’epoca dello spopolamento

La settimana scorsa l’ISTAT ha reso noti i dati della demografia in Italia riferita al 2019, la fotografia è sconfortante […]

Una cattiva abitudine dura a morire: usare il telefono mentre si guida

    La situazione è diventata allarmante, gli incidenti stradali sulle strade di Potenza sono in continuo aumento, il più […]

Sempre più cittadini scontenti di Acquedotto Lucano

(Strada interessata da lavori di riparazione a rione Rossellino) E’ Acquedotto Lucano la compagnia che dà da bere ai Lucani, […]

Migliorare la mobilità a Verderuolo

Le segnalazioni di alcuni residenti di Verderuolo ci spingono a ritornare su un argomento, la viabilità nel quartiere, che nei […]