Ai minimi storici i prezzi dei carburanti

Ai minimi storici i prezzi dei carburanti

20150116_093829

 

Oggi il costo della benzina presso l’impianto ove mi servo abitualmente è sceso per la prima volta dal 2010 sotto 1,4 euro per ogni litro. Una cosa inimmaginabile qualche mese fa.

Ho chiesto al mio amico gestore quando è stata l’ultima volta che il costo della benzina era uguale ad oggi, fatte le debite ricerche è venuto fuori che sono trascorsi oltre 4 anni, infatti il prezzo di 1,399  euro fu registrato l’ultima volta a novembre del 2010. Il picco con il prezzo più alto è stato registrato ad agosto 2012 quando il prezzo della benzina arrivò a 1,865 euro al litro.

Il prezzo alla pompa non rispecchia l’andamento del prezzo del greggio, le accise incidono in maniera decisiva, se così non fosse avremmo pagato la benzina molto di meno di quanto la paghiamo.

Ho fatto delle ricerche ed ho scoperto  che a novembre 2010 il petrolio era quotato 83 dollari ed il prezzo della benzina alla pompa (mi riferisco all’impianto di Potenza ove sono cliente) era di 1,399 euro al litro, oggi la quotazione è di circa 47 euro, se ci volessimo avventurare in calcoli matematici che non tengono conto della tassazione potremmo azzardare  a dire che avremmo dovuto pagare la benzina circa 1 euro al litro così non è, probabilmente un poco di speculazione le compagnie la fanno, lo Stato ci mette del suo aumentando le accise.

Qualche riflessione bisogna pur farla perché al prezzo dei carburanti sono legati i prezzi delle merci, sia alimentari che non. Quando il prezzo dei carburanti sono arrivati a sfiorare 1,90 euro la benzina ed il gasolio in proporzione, ci furono aumenti giustificati con il maggior onere per il trasporto, tutti i listini vennero adeguati e pur con qualche mugugno gli italiani si sono abituati a questi prezzi maggiorati.

Ora che il costo dei carburanti è clamorosamente diminuito di oltre il 30% non trovo riscontro di alcun ribasso di merci ed alimenti e qualcosa non mi quadra, è evidente che qualcuno fa il furbo e spero che le Associazioni di consumatori facciano il loro dovere.

Per noi lucani c’è da fare un altro importante ragionamento per quanto concerne le royalties che le compagnie che estraggono nella nostra regione devono versare alla regione ed ai comuni interessati dalle estrazioni. L’accordo prevede che a titolo di risarcimento per il “disturbo” arrecato L’ENI e le altre compagnie che trivellano la Basilicata devono versare una quota del ricavato derivante dalle estrazioni di petrolio e se il ricavato diminuisce a causa del calo del prezzo del greggio alla Basilicata arrivano un sacco di soldi in meno che causeranno seri problemi di bilancio.

Per intanto la ricarica della famosa Card-carburanti per gli anni 2012 e 2013 tarda ad essere accreditata ai patentati lucani che la richiesero qualche anno fa…..

Tags: , , ,

Comments are closed.

Il “film”, in bianco e nero, del 2018 in Basilicata

Sono anni che nel bilancio annuale della Basilicata si ripetono quasi sempre le stesse tematiche che sono diventate una sorta […]

Il futuro del Centro Storico di Potenza, sempre più indefinito

Il dibattito su Centro storico è un argomento everygreen, si discute, e si polemizza, d’estate e d’inverno, pure durante le […]

AVIS vs AVIS

Negli ultimi anni le vicende della sede AVIS potentina hanno riempito le cronache dei giornali a seguito di poco piacevoli […]

Sulle strade di Potenza è facile perdersi, segnaletica da migliorare

Potenza è città di servizi per cui negli uffici statali e locali ci vengono persone da tutta le regione, nel […]

A Potenza tanti fabbricati sotto le onde elettromagnetiche

articolo pubblicato su Controsenso del 13 ottobre 2018 La sottostazione Enel di via del Gallitello molti anni fa si trovava […]

Intervista al comandate della Polizia Locale di Potenza – seconda parte

Articolo pubblicato su Controsenso del 29 settembre 2018 Alcuni cittadini segnalano che ci sono zone “franche” dove le violazioni del […]